Architettura a stomaco pieno

Quante persone sarebbero disposte a scommettere che una stazione ferroviaria possa essere una buona location per una cena, anche abbastanza formale e romantica? Questo è quanto può avvenire a Madrid, nella "vecchia" stazione di Atocha al ristorante Samarkanda. Nella più grande stazione ferroviaria dismessa della città di Madrid trova il suo spazio un'isola verde con pochi eguali nel mondo: la stazione Atocha è un opera d'arte dove vegetazione, acciaio e cemento si uniscono in modo armonioso. La stazione fu realizzata dal 1888 al 1892, sotto la direzione di Alberto del Palacio Elissagne con la collaborazione del celebre Gustave Eiffel (il gusto estetico da art nouveau, emblematico anche della torre Eiffel, è visibile in modo chiaro nella struttura della stazione). La stazione è stata notevolmente ristrutturata in seguito all'efferato attentato del 11 marzo 2004. La parte della vecchia stazione oggi ospita un giardino tropicale di quattromila metri quadrati. È una vera e propria foresta esotica al coperto: la temperatura in questa singolare area è costante sui 24 gradi centigradi, ed è dotata di decine di piante rigogliose e alcune specie di animali. Si accede al ristorante attraverso una larga scala circolare che porta al piano superiore da dove si può ammirare da posizione privilegiata il giardino tropicale realizzato al posto dei binari e dei treni. I piatti sono ricercati e variano da quelli della tradizione madrilegna spaziando per ricette dal vago sapore orientale. Da provare gli scampi con salsa allo zenzero.

Un spazio sorprendente e ricco di fascino

Ristorante Samarkanda

Gloriate de Carlos V - Estacion Atocha, 28045 Madrid, Spagna

http://www.restaurantesamarkanda.com/


Featured Posts
I post stanno per arrivare
Restate sintonizzati...
Recent Posts